Il Centro d’Ascolto e l’aiuto alimentare

La vocazione solidale di Acqui si è espressa fin dai primi anni 2000 con l’azione di contrasto alla povertà alimentare.

In effetti, sia le San Vincenzo parrocchiali che il Centro di Ascolto, distribuivano borse di alimenti a chi, nell’indigenza ne faceva richiesta.

Nel 2014, nel tentativo di evitare dispersioni e sovrapposizioni, con il benestare del Vescovo, il Centro di Ascolto convenzionato con il banco alimentare di Novi Ligure e dotato di un software dedicato, (ricevuto gratuitamente dalla Bottega della Solidarietà di Alessandria)  ha accorpato le varie Associazioni con il nuovo servizio denominato “distribuzione unificata alimenti” nei  locali della Diocesi siti in via Nizza.

Tale servizio rivolto alle famiglie con Isee uguale o minore di Euro 7.500   è operativo 3 mattine alla settimana grazie all’alternarsi di una ventina di volontari e  garantisce un paniere di alimenti tra cui anche il pane invenduto del giorno prima fornito dai panettieri che aderiscono al progetto “pane quotidiano”.

Gli alimenti che vengono distribuiti, derivano per il 60% dai fondi AGEA  grazie al programma settennale di aiuti (2014/2020) del regolamento UE 223/2014, con l’obbiettivo di alleviare le forme più gravi di povertà. Tale programma ha previsto per l’Italia nell’arco dei 7 anni  uno stanziamento di 600 milioni di Euro. Il testante 40% deriva invece da donazioni nonché da acquisti diretti sul mercato.

Per maggiore chiarezza, si riporta la seguente tabella che riassume quanto distribuito durante il periodo 05/2014-05/2020.

Bibite                          Litri                5.640

Biscotti                        Kg                   6.430

Caffè                           Kg                  1.525

Carne                         Scatolette        2.326

Marmellata                 Kg                   2.502

Farina                        Kg                   7.214

Fette biscottate           Kg                   1.144

Formaggio                 Confezioni       4.874

Frutta                         Kg                   2.150

Latte                           Litri               35.388

Legumi                       Scatole            27.497

Olio                            Litri                 7.407

Omogeneizzati            Barattoli         552

Pasta                          Kg                 29.305

Pelati                          Scatole          28.000

Riso                            Kg                 13.189

Pane                           Kg                   3.664

Tonno                         Scatolette        7.534

Uova                           Confezioni          533

Verdura                       Buste               3.800

Zucchero                     Kg                   5.526

Panettoni e colombe   Confezioni       2.000

Prodotti per l’igiene    Confezioni       1.100

Negli ultimi anni si è sentita la necessità di superare il mero assistenzialismo rappresentato dalla consegna di borse alimentari e si è pensato di aprire un Emporio solidale, in cui l’utente si sentisse libero di scegliere secondo i propri bisogni. Tutto ciò attraverso un sistema di rete sinergico tra Asca, Caritas Diocesana, Impressioni Grafiche, Auser e con il sostegno della Fondazione San Paolo. Dopo aver identificato i locali, si è proceduto all’allestimento dell’Emporio solidale che  tra poco entrerà in piena funzione e farà parte della rete degli Empori Caritas del Piemonte.